ASSOCIAZIONE
CASA FAMIGLIA
LODOVICO PAVONI


 

ROSELLO 98, estate di solidarietÓ
Il campo scuola dell'Associazione Casa Famiglia Lodovico Pavoni quest'anno ha scelto l'Abruzzo

"Una realtÓ viva e pulsante nel tessuto sociale, al fine di coinvolgere le forza del volontariato, le famiglie, la scuola per la promozione dell'uomo.
Questo deve rappresentare l'Associazione. Il nostro obbiettivo deve essere sempre e comunque la promozione dell'uomo, la ricerca di relazioni piu` solidali e di ambienti piu` vivibili, una maggiore capacitÓ di comunicare e stare bene, con se stessi e con gli altri."
Nelle parole di Padre Claudio Santoro, pronunciate nell'ultimo giorno del campo estivo dell'Associazione Casa Famiglia Lodovico Pavoni, il significato e le motivazioni che spingono i volontari del gruppo a sostenere quotidianamente tutte quelle iniziative volte all'assistenza dei minori in difficolta`.
Meta prescelta per l'Estate 98 e` stato Rosello, situato a 920 metri sul livello del mare nella Val di Sangro (Abruzzo), dove si trova un magnifico bosco di abete bianco unico rimasto nell'Italia centro-meridionale.
Dal 2 al 9 agosto l'allegra truppa, formata da 14 bambini e 9 educatori ha soggiornato presso l'Ostello della gioventu`, vero e proprio punto di riferimento per le comitive itineranti che scelgono questa meravigliosa vallata per le loro vacanze.
Il ricco programma della giornata prevedeva escursioni in montagna, al mare (non molto lontano c'e` Fossacesia con la sua caratteristica spiaggia d'argento e i suoi trabocchi) e visite nei paesi limitrofi dove peraltro, nel mese d'agosto viene offerta al turista un ampio ventaglio di proposte tra feste patronali, sagre locali e iniziative culturali.
Tra le immagini che rimarranno impresse nei cuori dei ragazzi c'e` senz'altro quella della campana del Giubileo. Gia` perche` tra le tappe fissate c'era anche Agnone, paese notoriamente famoso per la sua fonderia.
P.Claudio Santoro, coadiuvato dall'infaticabile motore dell'Associazione, Clara Violoni, ha inoltre coinvolto altri gruppi che nel medesimo periodo hanno soggiornato a Rosello, creando i giusti presupposti per un incontro amichevole con educatori e ragazzi che vivono la stessa esperienza.
Giochi, gare preparazione di spettacoli, tutto questo ha scandito i ritmi di una settimana vissuta intensamente e che vedeva i volti dei bambini sempre gioiosi.
L'appuntamento della sera era, soprattutto per i piu` grandi, il piu` atteso: ci si incontrava per tracciare un bilancio della giornata e per pregare insieme.
Per la sera di congedo i ragazzi hanno messo a punto uno spettacolo che ha commosso non poco tutti i partecipanti. Una messa in scena che, nonostante i numerosi impegni del giorno, e` stata curata nei dettagli da attori e organizzatori.
"Il valore del gruppo" ha ribadito P.Claudio "continua ad avere una grande importanza per noi ed esperienze come queste ne sono la testimonianza piu` diretta. Scienza ed esperienza dimostrano che certe resistenze del bambino che vive un forte disagio personale possono essere vinte dalla pressione di un insieme omogeneo di amici; e` la vita comunitaria, a contatto con questi ragazzi, pio` essere di per se un momento formativo di una personalitÓ adulata ed equilibrata. Rosello docet."

Davide Dionisi